CIMINNA (PA)

www.ciminna.eu
Storia, arte, tradizione, costume, usi, verde, sole.......
Parte I Cap8
oom:MemorieDocumenti1911.
 

Canti e leggende

Usi e costumi di Ciminna

Dr Vito Graziano

Pubblicato MCMXXXV

Parte prima cap.8

Canti profani


1. Poeti popolari Ciminnesi.

Il popolo siciliano è un grande poeta e le. le numerose raccolte del Vigo, del Pitrè, del Salomone, e di tanti altri ne provano l'indole poetica.
Il popolo ama le parti, per cui nei piccoli paesi non esiste avvenimento che esso non rimi, ma preferisce sopra tutto le canzoni, le arie e le poesie che trattano d' amore. Raramente il popolo fa poesia nza musica 1. Se si chiedono a un cantore le sole parole d'una canzonetta, esso si confonde e si ferma, ma se canta il motivo, le parole gli ritornano alla memoria e le ricorda tutte.
(1) La musica segue il canto e si adatta ad esso. Intatti c'è il motto: Comu mi canti li sonu.
Frequentissime erano un tempo le serenate o notturni con canti popolari accompagnati dal suono di mandolino, chitarra e fischietto. Lo scopo delle serenate era il divertimento di coloro che vi prendevano parte, le feste e i fidanzamenti con le relative canzoni di amore e di sdegno. Esse piacevano pel loro carattere sentimentale e per quell' aureola di pericoli e di avventure, che le accompagnavano. Erano gl'incerti del mestiere, assalti dei parenti della bella che si voleva serenare, e peggio poi l'incontro di gruppi capeggiati da amanti rivali, con relative busse e punti di sutura. Nel caso migliore erano abbaiamenti di cani, ragli sonori di asini che facevano eco agli strumenti musicali, strilli, di vecchi brontoloni, e qualche volta il getto di liquidi non desiderati dai cantatori né dai musicanti.
Durante la guerra si cantò ben poco per quello scombussolamento, che è facile a comprendersi, e anche dopo non si cantò più quanto prima né come prima. Alle canzoni prettamente siciliane del popolo si sono mescolati i canti di guerra, le canzonette nazionali, le canzoni napoletane e le canzoni licenziose.
In Ciminna non sono mancati, come negli altri paesi, i poeti del popolo, che nascono e muoiono senza lasciare alcuna traccia della loro esistenza.
Il primo in ordine di tempo fu Giovanni Gallo vissuto nel secolo XVIII e morto in età di sessanta anni. Compose le canzoncine sacre che si cantano nei giovedì precedenti la festa del Corpus Domini e quelle dei venerdì di quaresima davanti la cappelleria dedicata al SS. Ecce Homo in Via Roma. Egli fu contemporaneo di altri due poeti popolari, Minicu di Masi da Villafrati, che fece la poesia del padre Malta monaco domenicano morto nel convento di S. Domenico in Ciminna, la quale sarà riportata in seguito, e un certo Sciaveriu da Baucina.
Si racconta che un giorno il Gallo andò a trovare quest' ultimo, il quale appena lo vide, gli disse in poesia :

Tu si 'ddu gaddu chi cu tanta boria
Canti cu tonu di cantata seria,
E chi cantannu ti duni la boria
Di la puisia supra l'arteria ?
S'iddu ti canusciu timirariu
Chistu chi parrà sai ch'è Sciaveriu.
Nun ioca no, ca sta parrannu seriu.


Era una sfida poetica bella e buona, alla quale rispose il Gallo, come suoi dirsi, per le rime, ma io non ricordo più i versi improvvisati da esso e dettimi da un tale, che ora è morto.
Un altro poeta popolare, che morì circa sessanta anni addietro fu Ciro Guagliardo. Faceva versi estemporanei e rispondeva spesso in poesia con grande facilità. A lui si attribuisce la risposta data a certa Rosa Baggillera che gli propose in versi il seguente dubbiu :


Vitti na grasta cu ddu beddi rosi,
Vitti un iardinu cu ddu beddi viti.
Vitti un raloggiu cu ddu beddi roti,
Vitti lu mari cupertu di riti.


Ad essa rispose il poeta :


La grasta siti viri, 1' occhi su rosi
Lu pettu è ortu e li minni su viti,
La vucca è roggiu e li denti su roti,
La testa è mari e li capiddi riti.


Più conosciuto fu Campanella Francesco inteso Santuddia, morto molti anni addietro. Fu poeta estemporaneo e fece molte canzoni e poesie, parlava spesse volte in versi e si vendicava contro i suoi nemici con poesie ingiuriose. Era anche valente cantatore ed era chiamato in altri paesi vicini, in occasione di feste, per cantare canzoni di amore e di sdegno.
Si attribuiscono a lui una canzone di sdegno e un' altra sopra li detti (debiti) che egli aveva.

Canzuna di sdegnu
Laria, brutta, facci di scursuni
Cu si curca cu tia subitu mori,
Trasisti 'nta la stadda cu li muli
Ti manci l'erva pi nun aviri pani.
Quannu ti metti ssu tintu ippuni
Mi sembra fa 1' amuri cu li cani.

 

Canzuna di detti

Comu haiu a fari ca haiu li detti!
Pagari nun li pozzu aguannu tutti,
Avia na casuzza e ci la detti
Iddi pi forza li vulianu tutti.
E 1' amaru di mia di notti sdetti
Mi 1' adduavi la casa a li grutti,
E cui mi spia : pagastivu li detti ?
Pagavi lu cazzazzu chi vi futti.

Faceva il maragunàru 2 e morì annegato in una gora per salvare un animale ovino, che era ivi caduto. Si disse per qualche tempo dopo la sua morte che in quel luogo si vedeva di notte una specie di fiammella, che alcuni credevano fosse 1' anima sua.
Lo Sciuto Salvatore morì pochi anni addietro e fece pure canzoni di amore e di sdegno, che cantava in Ciminna e nei paesi vicini a pagamento. Faceva frequenti sfide poetiche col Santuddia.
Lo Sciuto Giosafat, nipote del sopra detto, è tuttora vivente età avanzata. Nella sua gioventù fu un cantore rinomato. In ogni avvenimento pubblico triste o lieto, serio o burlesco egli faceva la sua poesia che cantava poi nei notturni per le strade. Ne riporterò una sola per esempio.
Nel maggio 1910 comparve una cometa, che presso il popolino è foriera di sventure e calamità pubbliche. Prima dell' apparizione, che avvenne nella notte dal 19 al 20 di detto mese, si diceva che doveva finire il mondo e tutta 1'umanità doveva morire. Il poeta credette alia profezia e fu preso da una grande paura.
Quella notte rimase fuori di casa con tutta la sua famiglia e con molta gente per assistere allo spettacolo del finimondo. La mattina prima di fare giorno comparve la cometa, ma non produsse alcun danno. Il Lo Sciuto, preso coraggio, fece la seguente poesia :



Li gran sapienti cu li cannucchiah
Guardaru I' universu cu li stiddi,
Li vittiru giusti li signali
Ma la purtaru grossa miatiddi.

Un scinziatu dissi : mi cunfunnu.
Si detti in frunti na gran timpulata,
Si la cumeta porta finimunnu
Ma la minzogna è assai esagirata.

Poviru Reggiu, povira Missina
Ca fu data in vucca a li liuna
E si distrassi la città carina
Trubbanìsi lu celu suli e luna.

Mi pari ca la terra si scatina
Si rumperu li fila e li curduna,
Li scinziati cu la testa fina
Minzogni n' ammintaru miliuna.

Ni misnu 1' infernu e la mina
Ma la cantari! mala la canzuna,
Giornali e gazzetti a bucca china
Mmzogni n' ammintaru mihuna.

La dissiru mala la palerà
Tuttu lu munnu misi tu a paura,
Li genti ssa nuttata durmeru fora
E n'accanzaru na rifriddatura.
(2) Operaio addetto con altri alla macerazione del lino nel fiume S. Leonardo nel tratto che divide il territorio di Ciminna da quello di Caccamo ed ivi mori annegato.

 

Top

2. Canzoni d'amore.-

Difficile è, invece, rintracciare gli autori di quelle innumerevoli canzoni che i contadini di Ciminna cantano « per amore » o per « sdegno » e di cui riporto soltanto qualche esempio :

1
Lu iardinaru disia munnizza,
Lu vurdunaru na bona visazza,
Lu galantumu disia grannizza
Fari la so prisenza 'nta la chiazza,
Lu marinara disia n' antinna
Pi appizzari li veli a bona banna,
lu l'amara di mia disiu la minna
Chidda chi havi in pettu Maraanna.

2
Tuttu lu iornu talliu viniri
E cui aspettu iu non veni mai.
Vacci suspiru miu ca ci sa iri
Ci dici ca la mannu a salutari,
Ci dici chi 'un si pigghia dispiaciri
S'è vuluntà di Diu non pò mancari.

3.
Assira mi scuravi a lu sirenu
Li stiddi foru chi m' arripararu,
Pi lettu appi lu sulu tirreno
Pi ghiumazzeddu un carduneddu amaru,
Affaccia bedda viri comu tremu,
Viri comu mi trema 'u angularu.

4
Martidduzzu d' amuri batti, batti,
Chi di cuntinuu senti li botti
Chiovu di l'arma mia 'ngastatu forti.
Ad atru dasti lu meli e lu latti,
A mia mi dasti lu tossicu forti.
Avissi a stari ducentanni sparti
L'amuri l'haiu a tia finu a la morti.

5.
Quannu passu di ccà nun ti salutu
Nun mi pigghian pi malu 'mparatu,
Tu chi ti cridi chi abbannunu amuri ?
Lu fazzu pi la genti nun parrari.
lu t' haiu amatu e secutu ad amari,
A tia ti nesci 1'arma e a mia lu cori,
Si voi sapiri quannu n' hamu a lassati
Quannu l'arvulu siccu fa li sciuri.

6
Susiti beni miu, susi susiti
Chista 'un è ura ri stari cucati.
A la me amanti chiusa la tiniti
Chi del a cu li labbruzza 'nzuccarati
Cu cento catinazzi la tiniti,
Un iornu sarà mia, chi ci appurati ?

7
Sùsiti beni miu, susi susiti
Ni ssu lettu d'amuri unni riposi,
Pi tia su fatti li sonnura duci
Pi mia su fatti li mali riposi.
Grapìti ssi finestri chi su chiusi
Quantu sentu 1'oduri di ssi rosi
Idda cu li so mori mi rispusi :

L' oduri lu fazzu iu, nun su li rosi.

8
Vurria vulari e pigghiari na stidda
Nun minni curu si mi fa stancari,
Tuttu l'amuri miu lu detti ad idda
Idda 1' amuri miu si 1' avi a sfarì,
Vurria muriri 'nta li vrazza d' idda
Tantu pi tantu na morti haiu a fari.

9
Sacciu la porta e non ci pozzu iri,
La scala è lunga e non pozzu acchianari,
Vacci suspiru miu ca ci sa iri
Ci dici ca la mannu a salutari
La mannu a salutari cu lu suli
Pi nun aviri cu cui mi cunfidari.

10
Vitti affacciari na lucenti stidda
A mia mi parsi ch' era la cchiù bedda,
Scocca d' aranci grossa e minutidda
Cumpunuta di zuccaru e cannedda,
Cu si cucca cu vui gna Vitidda
Comu manciassi carni di vitedda.


11
Supra na rocca mi vurria assittari
E notti e iurnu scrivili canzuni,
Tanti ni vurria scriviri e cantari
Finu chi affaccia Rusidda d' amuri.
Tutti li strati vaiu furriannu
Porti e finestri tutti chiusi sunnu,
Di quantu beddi su nta stu cuntornu
Tu sula mi fa iri spasimannu.

12
L' appi rnannatu un cannistru di guai
L' appi mannatu pi purtallu a vui.
Vui pigghiati lu picca e iu 1' assai
Campamu angustiati tutti dui,
Cara figghiuzza amamum assai
'Nsemmula 1' amu a fari st' anni nui

13
Oh Diu chi fussi gaddu di innaiu
Quantu cantassi na vota a 1' uscuiu
Mi mettu a ripitari sulu sulu
La bedda mi lispusi di luntanu :
Chi hai gadduzzu, ca ripeti sulu ?
E ci rispunnu cu un curnpiantu amaru
Persi la puddastra e sugnu sulu.

14
Nenti sapia di la tò vinuta,
D' oru ti la facia na bona entrata
Cu fasci d'oru e bannera di sita
Pi passaricci tu figghiuzza amata.
La rosa quannu è virdi è culurita
Chi oduri chi vi fa chista iurnata.
Vah ! figghiuzza si m' hai a dari vita
Nsemmula amu a dormiri na nuttata.

15
Vitti passari na Catariota
In testa purtava dui fascia di sita
E di quantu era grossa e muddicuta
Ca di setti anni era maritata
Arrispunni lu zitu e ci dici :
Si ti sentu cantari n' atra vota
Tu ci appizzi l'amuri e iu la vita.

16
Mi partu di Palermu e vaiu a ligna
Mi ni calu a lu voscu a la Susanna
A la vinuta passu di la vigna,
Trovu la bedda sutta la castagna,
Iu ci spiavi quannu si vinnigna
Cca' cu 1' ucchiuzzi soi m' ha fattu insinga :
Ci hai di vinìri quann' un c' è me mamma.

Top

3. Canzoni di sdegno

1
Ssa to' cammisa cui la strazza strazza
Lu primu fu io' n' appi na pezza
Di chissu meli to' n' appi na tazza
Cu veni appressu si vivi la fezza.
Ti maliricu a tia e a la to' razza
Cui t' ama, cui ti stima e cui ti prezza,
Si comu li cannola di la chiazza
Cui iunci prima la quartara appizza.


2.
Laria, brutta, facci di scursuni,
Cu si curca cu tia subitu mori
Trasisti 'nta la stadda cu li muli
Ti manci l'erva pi 'un aviri pani,
Quannu ti metti ssu tintu ippuni,
Mi pari fa l'amuri cu li cani.

3
Si facci d'ursa e frigi di cani
Sempri cammina la to' opinioni,
Sutta cappottu vai facennu tani
Vai 'ncuitannu li pirsuni boni,
Quantu n' hai fattu tu mali azioni
Mancu c' è giuggiulena 'nta lu pani

4
Vogghiu cantari quannu sugnu schetta
Ca quannu mi maritu 'un cantu cchiù,
Cummattu cu me soggira la vecchia
Ca ogni parola lu cori m' attassa,
Ci dugnu cosi duci e nun 1' accetta
La pigghiu cu lu bonu e m'amminazza,
Diu, comu haiu a fari cu sta vecchia,
Livatimilla vui sta mala razza.

5
Tale chi fannu fari li dinari !
Fannu dividiri dui filici cori,
Canciasti li biddizzi pi dinari
Pi na facciazza trippa di valori,
Tu chi a la festa nun la pò purtati,
Vidi li beddi e ti spinna lu cori

 

Top

 

4. Canti della guerra 1915-18


Durante la guerra 1915- 18 corsero in Ciminna vari canti. L'ali-pcnto principale del popolo è il pane e la pasta, che il governo cer-java di economizzare, ma il popolo se la prendeva coi fornai :

'Nta stu paisi ci sunnu sei furnari
Mattana, Ninu Sciuzzu e Cirinciuni,
E tutti nun li pozzu ammuntuari.
Pigghiamu a Liopòrdu cu Buttuni,
A Campanedda lassartiu stari,
Affacciami! a lu barcuni
Cugghiemu un filu 'i menta,
Finiu di fari pani Tridicinu e Scignalenta.

E se la prendeva anche con i pastai :
Na matina minni ivi a Pircalora 1
Mi susivi apposta cu la matinata,
E doppu chi stetti na iurnata fora
Mi vitti dari la pasta vagnata.

(1) Piano comunale, ove esisteva un pastificio.

Il popolo sopportava le privazioni, ma odiava quelli che volevano speculare a danno suo :
D'accordu sunnu misi
Pastara cu fumai a
Pi farisi li casi,
E lussu a li mugghierì
Nun ci fari mancali,
Cappeddi cu li piumi
Scarpini a la pulacca,
Aneddi 'nta li ita
Nun ci fari mancari.
Un altro canto simile era il seguente :
Na matina ivi a vucciria
E vitti na gran fudda nu furnaru,
Na fimminedda 'ncinta di sei misi
Mischina senza pani la lassarti
Ca n'atra fimminedda 1' ammuttau.
Viditi fimmineddi
Schetti e maritati,
A schera sunnu misi
Ca parinu surdati.
Il popolo sente raccontare i pericoli e le sofferenze dei nostri soldati al fronte, e s' accende di odio contro le mogli che, dimenticando i loro doveri, menano vita allegra :

Stamatina ricivivi
Na littra 'i me mugghieri :
Un cappeddu a birsaglieri
Mi hai a mannari
A gran vilucità.
Caru spusu, e' è la mora,
Mi hai a mannati 'a vesta nova,
Li scarpini finu a casa
Mi hai a mannari
A gran vilucità,
Si nun fai zòccu ti dicu
Ti rinuncili di maritu,
Minni vaiu cu don Vitu
Zòccu vogghiu iddu mi fa.

Ma le mogli non tradivano solamente l'onore dei mariti, ma facevano anche peggio :

Sintiti chi misfattu
Successi a li frunteri,
Na barbara muggheri
Un purciddatu tortu ci mannau.
Lu maritu nun sapennu
Dui surdati avvilinau.
Oh fimmina maliditta,
Vidi quanta minnitta,
Pri l'abitu e la birritta
Aviri fatti
Di l'amanti to'
Quantu vegnu 'nni parramu
Ca ti fazzu in quattru pezza,
Pirchì 1' omu 'un si disprezza
Ca mi trovu sutta 1' armi.

Perciò il popolo giunto al colmo del!' ira esclamava contro tali mogli:

Oh donni, donni assassini !
Li spusi sunnu a li cunfini
E vuatri abballarmi
Chi v' annacati
Senza dignità.

Il popolo sfogava il suo odio anche con l'arma del ridicolo :

Centuvinti ni parteru
Surdateddi nichi nichi, 1
Comu chiancinu li ziti
Ca 'un si ponnu maritati,
Sfurtunati fimmini,
Ora comu aviti a fari,
La guerra e' è in Italia
Finiu di maritari.
Na pocu allustrascarpi
A lu Guvernu preganu
La guerra s' avi a fari

(1)Ragazzi classe del '99
Rispunni donna Minìca :
Ci curpa 1' accidenti,
Ni lu pigghiamu vecchiu
Ca è megghiu di nenti.

Na fìmminedda chiancìa sta matina
Ca avia persu 'u maritu a li frunteri,
E di lu chiantu facia runa
Ca si vulia maritati arreri.
Fimmineddi nun chianciti accussì forti,
Vi spusati cu un vicchiottu
Si nun e' è un picciottu.

Ma ia guerra volgeva al suo fine, la vittoria era sicura e i i popolo cantava inni giulivi, sfogandosi contro la Germania, che era stata la causa della guerra.

Lu giurnali lu portava,
Vi lu giuru privu di Diu,
Lu Sicilia 1 abbanniava
L'haiu liggiutu puru iu :
La Girmania voli 'a paci,
Di la fami 'un ni po' cchiù,
E la perdita è sicura,
Tutti i danni havi a pagari,
Di Gugghiermu chista è l'ura
Chi finiu d' arrignari.


(1) II Giornale di Sicilia.

Top

 
Home Capitolo 1 2 3 4 5 6 7 Indice Parte Prima

Si apre Una nuCounterwebmaster@ciminna.eu